Il “bisogno di fede” dei fondamentalisti

Eugenio Geiringer, Fiumicino (ROMA)

Settimane fa Indro Montanelli si è dichiarato “cristiano filosemita”, concludendo: «Il problema ebraico? È impossibile risolverlo». Il problema, infatti, è impossibile risolverlo a livello razionale, storico, politico, culturale. È tema esclusivamente psicologico. L'uomo, con l'acquisto della ragione, prende coscienza della morte e quindi ha bisogno di fede.

Freud, in Considerazioni attuali sulla guerra e la morte, al punto 2, intitolato Il nostro modo di considerare la morte, scrive che «…la scuola psicoanalitica ha potuto anche affermare che […] nel suo inconscio ognuno di noi è convinto della propria immortalità». Il fondamentalista che salta in aria con il suo esplosivo risolve un suo problema, si uccide per non morire. Dio solo promette e assicura l'immortalità. Le tre grandi religioni monoteiste citate hanno capito da tempo che i principî delle fedi vanno imposti durante lo «…stato di dipendenza infantile» (ancora Freud, nel Compendio di Psicoanalisi) quando il bambino è suggestionabile e tenta i primi interrogativi, le prime domande.

 
 


Circolo UAAR di RomaVia Ostiense 89, 00144 Roma — Tel. 06 575 7611 - 338 316 3509 — e-mail