Dice “la ggente”

(prima di dire che sei ateo o agnostico… pensaci bene)

  • Ci risulta che lei sia ateo; ha un minuto per spiegarci perché?
  • Lei è ateo? … Ma davvero? … Quanto mi dispiace!
  • Davvero è ateo? … Sembrava una cosi gran brava persona!
  • Come si fa a vivere senza dio?
  • Ma allora lei non crede in niente?
  • Ma non sente la mancanza di qualcosa?
  • Guardi la pianti di dire che lei è ateo perché mi sta offendendo!
  • Ma in fondo anche lei crede in qualcosa!
  • Ma se lei crede di non credere, allora crede in qualcosa!
  • Beh… in fondo anche l’ateismo è una religione!
  • Anche io ero ateo, ma poi ho incontrato la vera fede.
  • Vedrà che anche a lei un giorno si aprirà il cuore!
  • Agnostico? …
  • Agnostico è uno che non sa: lo dice l’etimologia stessa della parola!
  • Se l’agnostico non si pone il problema, vuol dire quindi che non esclude che possa esistere un’entità superiore?
 
 


Circolo UAAR di RomaVia Ostiense 89, 00144 Roma — Tel. 06 575 7611 - 338 316 3509 — e-mail